sr. Béatrice TCHI.IGNABE

Sr. Beatrice, camerunese, è Missionaria dell’Immacolata in Brasile Nord. Racconta la sua vocazione e il cammino che l’ha portata a pronunciare il suo sì definitivo a Dio.

Sono sr. Béatrice Tchi.Ignabe, vengo da Méri, nella regione dell’estremo nord del Camerun. Appartengo a una famiglia cristiana cattolica di otto figli, io sono la seconda. Sono cresciuta nella città di Lagdo, sempre nel nord del Camerun, dove ho incontrato le Missionarie dell’Immacolata-PIME nella mia parrocchia. Desideravo molto offrire il mio tempo e il mio servizio alla Chiesa e questo mi ha portato a partecipare a vari movimenti e frequentare diversi gruppi nel mio rione. Il mio desiderio di consacrarmi a Dio tra le MdI è nato da una grande stima per il lavoro che le missionarie svolgevano nella mia parrocchia e per la testimonianza di vita interculturale che osservavo tra di loro.

sr. Béatrice TCHI.IGNABESono entrata in convento il 7 settembre 2008 a Yaoundé e subito dopo la mia prima professione religiosa, il 25 marzo 2014, sono stato assegnata alle parrocchie di Ambam e Etoug-Ebe a Yaoundé, dove ho lavorato nella pastorale per due anni. Nel 2016 il mio Istituto mi ha mandato a studiare filosofia all’Università Cattolica dell’Africa Centrale per un periodo di 3 anni e il 29 ottobre 2019 ho ricevuto il mandato missionario per il Nord del Brasile. Sono arrivato in Brasile nel gennaio 2020, appena due mesi dopo lo scoppio della pandemia del Covid-19. Così ho trascorso un anno imparando la lingua portoghese presso la Casa provinciale nella città di Manaus in Amazzonia. Più tardi, nel 2022, mi unisco alla diocesi di Macapá ancora in Amazzonia dove attualmente lavoro con i giovani nella pastorale della comunicazione (PASCOM), nella catechesi, nella pastorale infantile, visito le famiglie e partecipo alle celebrazioni nei villaggi. In Brasile scopro maggiormente la gioia della missione!

Diverse tappe hanno segnato e segnato il mio cammino. Ho vissuto momenti di gioia, così come momenti di dolore, dubbio, lacrime, incertezze e scoraggiamenti. È così che sono andato alla scuola di San Paolo, l’apostolo delle genti. Le parole di San Paolo sono state la fonte del mio conforto, del mio coraggio e della mia determinazione in mezzo a tutti le prove attraversate e i sentimenti contrastanti. Pertanto, ho scelto come motto per la mia professione perpetua queste parole di San Paolo: “Chi ci separerà dall’amore di Cristo?” (Rm 8, 35) Niente e nessuno!

Tornata nella mia terra natale (il Camerun), grande è stata la mia gioia ed enorme è stato il mio desiderio di consacrarmi totalmente a Dio, il 18 febbraio 2023, con la benedizione della mia famiglia naturale, della mia parrocchia, dei miei amici e conoscenti che mi hanno visto crescere e crescere anche in me questo slancio missionario. È una grande gioia quella che abita in me perché il Signore mi ha scelto per essere strumento della sua Parola. Come non cantare anch’io il Magnificat, come Maria, per gridare la mia gratitudine a Dio: ” Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente e Santo è il suo nome ” (Lc 1,49).

sr. Béatrice TCHI.IGNABELa professione perpetua appena pronunciata è un impegno che mi chiama a configurarmi a Gesù Cristo, grande evangelizzatore e missionario. La mia vocazione è stata costruita e rafforzata nel corso del tempo. Durante tutta la mia formazione fino ad oggi, Dio ha messo sul mio cammino persone che non hanno mai cessato di aiutarmi in tanti modi. Inoltre, la mia esperienza in Brasile, soprattutto a Macapá, mi ha permesso di abbracciare con determinazione questo passo decisivo. Sono stata molto colpita dall’impegno dei laici all’interno della Chiesa brasiliana. Il loro esempio mi ha fatto comprendere che ogni fedele è chiamato a vivere la propria vocazione. Siamo tutti chiamati nella stessa vigna del Signore, ciascuno secondo il suo stato di vita. Laici o chierici, abbiamo la stessa chiamata, quella di vivere la carità che porta alla santità. Ogni vera vocazione richiede maturazione, determinazione e conversione, tenendo conto che quest’ultima non sarà esente da difficoltà.

Ogni vocazione vissuta nella fedeltà è un cammino di santità. È una vita che va oltre i sentieri stabiliti da coloro che ci circondano e che ci permette di vivere liberamente le nostre convinzioni profonde, di continuare la nostra ricerca di Dio e anche di essere al servizio dei nostri fratelli e sorelle assetati della Parola di Dio. Sono orgogliosa e vivo questa vocazione con gioia. La mia gioia è ancora più grande nel pensare al ritorno in Amazzonia, dove so che i miei fratelli e sorelle mi aspettano.

Sr. Béatrice TCHI. IGNABE, Brasile Nord

0 Comments

Leave a reply

©2024 KLEO Template a premium and multipurpose theme from Seventh Queen

CONTACT US

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Sending

Log in with your credentials

Forgot your details?